Il dolore alla spalla è uno dei più comuni ed uno dei più invalidanti. Talvolta questo dolore è talmente lancinante che anche nella notte non riesce a far dormire tanto è forte.

Dolore alla spalla sintomi

Il dolore alla spalla può insorgere a causa di diverse cause: traumi o usura lavorativa o sportiva sono quelle più comuni. Il dolore si manifesta spesso sotto forma di un peso (dolore ingravescente) ma talvolta è urente, e si associa ad una limitazione della spalla nell'alzare e ruotare il braccio all'interno ed all'esterno.

Al dolore talora si associa, spesso nelle ore notturne, anche una sintomatologia neurologica talvolta importante, con formicolii, addormentamenti di braccio e mano (parestesie, disestesie e ipoestesie), difficoltà di prendere e tenere gli oggetti con la mano (ipostenia) con riduzione della sensazione di forza.

Il quadro clinico può progredire sino alla condizione di bloccare la spalla (spalla congelata) nei casi più gravi. 

Il dolore alla spalla spesso coinvolge la unità anatomo-funzionale che prende il nome di cuffia dei rotatori, un insieme di tendini che a guisa di cuffia avvolgono le ossa della spalla consentendone i movimenti ben noti. Quando uno o più tendini di questa cuffia si infiammano, si ha il quadro indicato di dolore della spalla con limitazione funzionale. Statisticamente il tendine più coinvolto in questa situazione è il tendine sovraspinato, per peculiarità anatomo-funzionali.

Dolore alla spalla rimedi

Il riposo funzionale, associato a applicazioni locali di calore, pomate anti-infiammatorie ed analgesici come la tachipirina sono il primo approccio.

Dolore alla spalla che non passa

Se dopo una settimana il dolore persiste, è opportuno consultare un medico, possibilmente che possa effettuare una ecografia per avere un primo approccio diagnostico sullo stato di salute di questi tendini.